Femminile Giovanili - Juniores Under 19 Risultati

Femminile Giovanili - Juniores Under 19 Classifica

Femminile Giovanili - Juniores Under 19 Marcatori

ATTIVITÀ DI BASE

1.1 Norme regolamentari dell’attività di base

L’attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

1.Partecipano all’attività le seguenti categorie di calciatori:

 

  • Piccoli Amici
  • Primi Calci
  • Pulcini
  • Esordienti

2.L’attività è suddivisa in due fasi: quella autunnale e quella primaverile (all’inizio della fase primaverile è possibile iscrivere nuove squadre).

Le Società possono partecipare ai tornei organizzati nell’ambito dell’attività di base con una o più squadre, favorendo la massima partecipazione dei tesserati alla attività. Alle gare partecipano il numero di calciatori previsto per ogni specifica attività. Le formazioni, indicate nell’elenco da presentare all’arbitro, possono essere composte da soli bambini, da sole bambine o possono essere anche miste.

3.Le Delegazioni della LND territorialmente competenti, organizzano, in conformità agli indirizzi fissati dal Settore Giovanile e Scolastico, uno o più tornei della durata complessiva di almeno tre mesi, la cui attività dovrà iniziare entro il 15 Ottobre.

. Inoltre, tenendo conto della realtà nella quale operano, al fine di organizzare un’attività più omogenea sotto il profilo tecnico-didattico, devono, per quanto possibile, suddividere le squadre all’interno dei gironi per fasce d’età.

4.Le Società, al momento dell’iscrizione ai Tornei Federali presentano l’elenco nominativo dei componenti la squadra, indicando l’anno di nascita di ciascun bambino/a.

5.Le Delegazioni della LND territorialmente competenti, in caso di necessità, possono inserire nel medesimo girone due o più squadre di una stessa Società.

6.E’ vietata la partecipazione di uno stesso giocatore a due gare di Torneo che si svolgono nella stessa giornata solare.

7.Tenuto conto della giovane età i/le bambini/e non devono disputare più di una gara nelle giornate del sabato e della domenica della stessa settimana, salvo che non sia evitabile per oggettive ragioni organizzative. Tale disposizione si applica sia nel caso in cui le squadre di una stessa società siano inserite in gironi diversi, sia nel caso in cui siano inserite nel medesimo girone. Si riportano di seguito le disposizioni che regolano lo svolgimento dell’attività di base. Il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC emanerà con delibera del Consiglio Direttivo apposita circolare esplicativa.

  1. a) Limiti di età per la partecipazione dei calciatori all’attività di Base

PICCOLI AMICI

Bambini e bambine che abbiano anagraficamente compiuto il quinto anno di età (ovvero nati nel 2014 e nel 2015, dopo il compimento del 5° anno di età), ma che, anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva non abbiano compiuto il sesto anno di età (ovvero nati nel 2013).

PRIMI CALCI

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva hanno compiuto il 6° anno di età [ovvero nati nel 2012), ma che nel medesimo periodo non abbiano compiuto l’8° anno di età [ovvero nati nel 2011). Qualora fosse necessario, possono partecipare all’attività della categoria “Primi Calci” coloro che abbiano compiuto il sesto anno di età nel corso dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva [ovvero nati nel 2013, dopo il compimento del 6° anno di età).

PULCINI  

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva abbiano anagraficamente compiuto l’ottavo anno di età [ovvero nati nel 2010), ma che, nel medesimo periodo, non abbiano compiuto il 10° anno di età [ovvero nati nel 2009). Qualora fosse necessario, possono partecipare all’attività della categoria “Pulcini” coloro che abbiano compiuto l’ottavo anno di età nel corso dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva [ovvero nati nel 2011, dopo il compimento dell’8° anno di età), purché venga effettuata la sottoscrizione del tesseramento “Pulcini” per la stessa Società per la quale il giovane è “assicurato” con la Carta Assicurativa della FIGC.

PULCINI 1° ANNO

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva hanno compiuto l’8° anno di età, ma che nel medesimo periodo non abbiano compiuto il 9° anno di età [ovvero nati nel 2010).

Tuttavia, alle società che hanno un documentato numero limitato di tesserati, dovuto, ad esempio, a difficoltà di ordine demografico, è concessa la possibilità di utilizzare n°3 calciatori appartenenti alla fascia d’età immediatamente inferiore [ovvero nati nel 2011), sempre che abbiano compiuto l’8° anno.

PULCINI 2° ANNO

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva hanno compiuto il 9° anno di età, ma che nel medesimo periodo non abbiano compiuto il 10° anno [ovvero nati nel 2009).

ESORDIENTI  

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva abbiano anagraficamente compiuto il decimo anno [ovvero nati nel 2008) e che nel medesimo periodo, non abbiano compiuto il dodicesimo [ovvero nati nel 2007). Qualora fosse necessario, possono partecipare all’attività della categoria “Esordienti” coloro che abbiano compiuto il 10° anno di età nel corso dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva [ovvero nati nel 2009, dopo il compimento del 10° anno di età).

ESORDIENTI 1° ANNO

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva hanno compiuto il 10° anno di età, ma che nel medesimo periodo non abbiano compiuto l’11° anno di età [ovvero nati nel 2008). Tuttavia, alle società che hanno un documentato numero limitato di tesserati, dovuto, ad esempio, a difficoltà di ordine demografico, è concessa la possibilità di utilizzare n°3 calciatori appartenenti alla fascia d’età immediatamente inferiore [ovvero nati nel 2009), sempre che abbiano compiuto il 10° anno di età.

ESORDIENTI 2° ANNO

Bambini e bambine che anteriormente al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva hanno compiuto l’11° anno di età, ma che nel medesimo periodo non abbiano compiuto il 12° anno di età [ovvero nati nel 2007).

Tuttavia, alle società che hanno un documentato numero limitato di tesserati, dovuto, ad esempio, a difficoltà di ordine demografico, è concessa la possibilità di utilizzare n° 3 calciatori appartenenti alla fascia d’età immediatamente inferiore [ovvero nati nel 2008), per disputare, rispettivamente, attività ufficiale 9c9

Tabella riepilogativa dei limiti d’età nelle categorie di base

CATEGORIA

FASCIA D’ETA’

ULTERIORI                   POSSIBILITA’  DI

PARTECIPAZIONE

Piccoli Amici

2013 – 2014 [5 anni
compiuti)

2015, dopo il compimento del 5° anno di età

Primi Calci

2011 e 2012

2013, dopo il compimento del 6° anno di età [no 2014)

 

 

 

Pulcini età mista

2009 – 2010

2011, dopo il compimento dell’8° anno di età [no 2012)

Pulcini 1° anno

2010

3 nati nel 2011, dopo il compimento dell’8° anno di età

Pulcini 2° anno

2009

3 nati nel 2010

 

 

 

Esordienti età mista

2007 – 2008

2009, dopo il compimento del 10° anno di età [no 2010)

Esordienti 1° anno

2008

3 nati nel 2009, dopo il compimento del 10° anno di età

Esordienti 2° anno

2007

3 nati nel 2008

 

Partecipazione delle bambine all’attività ufficiale

Nel caso in cui sussista l’impossibilità di far partecipare le bambine appartenenti alle diverse categorie e fasce d’età con i bambini di pari età [in qualsiasi fascia d’età delle categorie “Pulcini”, “Esordienti” o “Giovanissimi”), si potrà richiedere deroga al Presidente del Settore Giovanile e Scolastico per la partecipazione di tali ragazze alla categoria o fascia d’età inferiore di un anno alla propria, presentando specifica richiesta al Comitato Regionale territorialmente competente, per il tramite della rispettiva Delegazione della LND, allegando all’istanza una dichiarazione firmata dagli esercenti la potestà genitoriale [vedasi fac-simile e schema riepilogativo delle opportunità in allegato).

La deroga verrà rilasciata dal Presidente del Settore Giovanile e Scolastico tramite pubblicazione di apposito Comunicato Ufficiale, previo parere del Comitato Regionale LND competente territorialmente. Nelle categorie “Piccoli Amici” e “Primi Calci”, la partecipazione all’attività della fascia d’età inferiore di un anno alla propria sarà, invece, automaticamente consentita alle bambine, senza necessità della richiesta di deroga.

Il Settore Giovanile e Scolastico prenderà comunque in esame eventuali ulteriori richieste di deroga diverse da quelle previste, purché opportunamente motivate.

  1. b) Le Modalità di gioco per le categorie di base sono le seguenti:
  • Piccoli Amici: 2c2 – 3c3 alternate a giochi/esercizi di abilità tecnica (vedi Allegato Programma di Sviluppo Territoriale Piccoli Amici e Primi Calci)
  • Primi Calci: 4c4 – 5c5 alternate a giochi/esercizi di abilità tecnica (vedi Allegato Programma di Sviluppo Territoriale Piccoli Amici e Primi Calci)
  • Pulcini: 7c7 (var. 6c6) + mini-partita con situazione semplificata e gioco di tecnica (vedi Allegato Torneo Pulcini #Grassroots Challenge)
  • Esordienti: 9c9 (var. 8c8) + situazione abilità tecnica (Shoot-Out in continuità)(vedi Allegato) Tabella riepilogativa delle modal ità di gioco delle categorie di base

CATEGORIA

ATTIVITÀ DI GARA

Piccoli Amici

Confronto con almeno 3-4 squadre in gare
2c2 – 3c3 alternate a giochi di abilità tecnica

Primi Calci

Confronto con almeno 3-4 squadre in gare
4c4 – 5c5 alternate a giochi di abilità tecnica

 

1

Pulcini 1° anno

7c7 (var. 6c6) + minipartita e gioco di tecnica

Pulcini età mista

7c7 (var. 6c6) + minipartita e gioco di tecnica

Pulcini 2° anno

7c7 (var. 6c6) + minipartita e gioco di tecnica

 

 

Esordienti 1° anno

9c9 (var. 8c8) + ShootOut in continuità

Esordienti età mista

9c9 (var. 8c8) + ShootOut in continuità

Esordienti 2° anno

9c9 (var. 8c8) + ShootOut in continuità

 

(Per gli anni di nascita, le tipologie dei campi e gli ulteriori dettagli, vedere paragrafo precedente e l’Allegato n°1)

  1. c) Conduzione tecnica delle squadre

(Obblighi Settore Tecnico Comunicato Ufficiale FIGC n. 69 del 13 giugno 2018)

Le Società che svolgono attività di Settore Giovanile e Scolastico in almeno una delle categorie di base (Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini ed Esordienti) devono tesserare un Responsabile Tecnico dell’Attività di Base, con qualifica federale UEFA (UEFA PRO, UEFA-A, UEFA-B, UEFA Grassroots C) o Istruttore Giovani Calciatori (ante 1998) o Allenatore di III Categoria (ante 1998) rilasciata dal Settore Tecnico;

A partire dalla stagione sportiva 2020/2021 le Società che svolgono attività nelle categorie Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini ed Esordienti devono tesserare per ogni categoria di base almeno un allenatore con qualifica federale UEFA (UEFA PRO, UEFA-A, UEFA-B, UEFA Grassroots C) o Istruttore Giovani Calciatori (ante 1998) o Allenatore di III Categoria (ante 1998) rilasciata dal Settore Tecnico;

Le squadre delle categorie Piccoli Amici e Primi Calci potranno essere allenate anche dai Preparatori Atletici qualificati dal Settore Tecnico o Laureati in Scienze Motorie o Diplomati ISEF.

Il Responsabile Tecnico dell’Attività di Base, nell'ambito dell'attività della stessa società, pub anche svolgere la funzione di Allenatore per le squadre giovanili o delle categorie di base della società;

Il tesseramento del Responsabile Tecnico e dei Tecnici previsti deve essere effettuato e formalmente comunicato entro l’inizio dell’attività ufficiale;

  1. d) Arbitraggio delle gare

Le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il “metodo dell’autoarbitraggio”.

Tale opportunite prevede che la gara venga arbitrata dagli stessi giocatori che disputano la gara, delegando al dirigente arbitro ed ai tecnici responsabili delle squadre che s i confrontano eventuali e particolari interventi di mediazione e supporto.

Il Settore Giovanile e Scolastico incoraggia comunque ad utilizzare tale metodo anche nella categoria Esordienti.

Nella categoria Esordienti, per l’arbitraggio delle gare si deve ricorrere a:

- Tecnici: a tal proposito potre essere utilizzata una delle seguenti formule:

  • Tecnici della societe ospitante
  • Tecnici della societe ospitata
  • Prbitraggio di un tempo ciascuno da parte dei tecnici di entrambe le squadre ed un tempo con formula dell’autoarbitraggio

- Calciatori della categoria Allievi e Juniores tesserati per le stesse Società

- Dirigenti, solo se appositamente istruiti al riguardo a seguito di un Corso sul Regolamento di Giuoco tenuto dalla FIGC

- Autoarbitraggio

Per i Tecnici e i giovani calciatori tesserati può essere presentato, quale documento di riconoscimento, la tessera ufficiale prevista per partecipare alle gare, mentre per i dirigenti deve essere presentata la tessera rilasciata dalla Delegazione della LND territorialmente competente.

Le Societe, all’atto dell’iscrizione, debbono segnalare il nominativo di una o più persone che abbiano compiuto i quindici anni, tesserate per la Societe o comunque per la FIGC, da utilizzare per la direzione delle gare. Per quanto possibile, il Settore, di concerto con l’Pssociazione Italiana Prbitri, fare impartire alle persone segnalate lezioni sulle regole di gioco e la funzione arbitrale.

La designazione ad arbitrare la gara in programma deve essere attribuita ad una persona segnalata dalla Societe ospitante; in alternativa, è possibile anche prevedere che la partita sia diretta da un rappresentante della squadra ospitata.

Pl termine della gara, i dirigenti delle due squadre debbono firmare, per avallo, il rapporto del Tecnico o Dirigente-Prbitro, in cui sare indicato il risultato e quanto riportato nel referto arbitrale. Il direttore di gara provvedere, quindi, a completare il rapporto in tutte le altre voci ivi previste (vedi esempio del modello di “referto gara” delle categorie Esordienti e Pulcini in allegato).

Il Dirigente della squadra ospitata deve comunque sottoscrivere il referto e in caso di eventuale disaccordo deve far riportare le relative osservazioni nel referto.

La Societe ospitante deve trasmettere il referto arbitrale entro e non oltre la disputa della gara successiva, alla Delegazione della LND territorialmente competente.

 

 

 

 

e) Arbitri Ufficiali PIP nel Torneo Esordienti 2° anno 9c9

Solo per questa categoria è data facoltà alle Società, purché si facciano carico dei relativi oneri finanziari, di usufruire di arbitri ufficiali dell’PIP.

L’autorizzazione all’utilizzo degli arbitri è rilasciata dalla FIGC previo parere positivo della LND e dell’AIA. A tal fine i C.R LND di competenza, se favorevoli alle designazioni, sentite le società, dovranno presentare richiesta alla LND entro i tempi stabiliti, la quale trasmetterà la richiesta alla FIGC per le valutazioni di competenza.

Sarà cura della FIGC acquisire il parere dell’AIA.

  1. “Green Card”

Nelle categorie di base dei Pulcini e degli Esordienti, coloro che vengono preposti alla direzione delle gare potranno utilizzare la cosiddetta “Green Card”, il cartellino verde che premia i giovani calciatori che si rendano protagonisti di particolari gesti di “Fair Play” [Gioco Giusto) o di “Good Play” [Gioco Buono).

In sostanza gesti di significativa sportività nei confronti degli avversari, dell’arbitro, del pubblico e dei compagni di gioco o apprezzabili gesti tecnici.

Solo i casi di particolare Fair Play [Gioco Giusto) dovranno essere segnalati alla Delegazione competente per territorio, che provvederà alla più opportuna divulgazione, informando inoltre il Settore Giovanile e Scolastico che ne assicurerà la pubblicazione sul proprio sito internet.

Il numero di “Green Card” ottenute grazie ai particolari casi di “Fair Play”, motivati e avallati da entrambi i dirigenti e i tecnici delle due squadre, concorrerà, al pari degli altri indicatori, a determinare la graduatoria di merito di entrambe le categorie.

  1. Saluti

Al termine di ogni incontro i dirigenti ed i tecnici dovranno sollecitare i partecipanti alla gara a salutarsi fra loro, stringendosi la mano, sia all’inizio che alla fine di ogni confronto, utilizzando la stessa cerimonia. In entrambe le occasioni i partecipanti dovranno schierarsi a centrocampo insieme all’arbitro o al dirigente arbitro, salutando il pubblico e la squadra avversaria.